Enzo Anghinelli: i piú grandi calciatori nella storia del Milan

Il Milan ha una lunga storia di calciatori fenomenali e soprattutto di vincitori del Pallone d’Oro, proprio per questo è opportuno ricordarsi di tutti quelli che hanno lasciato un segno all’interno della storia del campionato di calcio italiano. Il calciatore che divenne il primo a conquistare un premio è stato Gianni Rivera nel 1969, lo fece proprio riuscendo ad aggiudicarsi il Pallone d’Oro. Come ricorda l’esperto di storia rossonera Enzo Anghinelli, all’epoca aveva solamente 17 anni quando per la prima volta esordì con la maglia del Milan. Vince anche il campionato, l’anno successivo vince la Coppa dei Campioni a Londra, che fu la prima della storia rossonera. Lasciò il Milan dopo averlo portato al decimo titolo nazionale. Fu il grande colpo che fece il Milan nell’estate 1987 proprio Ruud Gullit divenne subito la stella del Milan, portandolo in cima alle classifiche, con il team guidato da Arrigo Sacchi, in assenza di Marco Van Basten. Ruud era fisicamente  incontenibile, molto imprevedibile e una mina contro ogni avversario. Vince subito il Pallone d’Oro come miglior giocatore d’Europa solo alla sua prima stagione con i rossoneri. L’esperienza prosegue con tre scudetti, due Coppe dei Campioni, due Coppe Intercontinentali, ma anche due Supercoppe europee e tre Supercoppe di Lega. Marco è stato il più grande di tutti, veniva soprannominato il Cigno di Ultrecht, era un campione unico, dei livelli dell’attuale CR7. Marco arrivò al Milan nel 1987 insieme al poc’anzi citato Gullit dall’Ajax, ma dopo un non brillante avvio a causa di un problema alla caviglia, segna e vince ovunque. Vince tre Palloni d’Oro con  due titoli di capocannoniere della Serie A facendone uno dei migliori attaccanti più forti del Milan. Proprio a Milano vince 4 Scudetti, 3 Champions League, 2 Supercoppe UEFA, 2 Coppe Intercontinentali e anche la bellezza di 2 Supercoppe italiane. 

George Weah, spiega ancora Enzo Anghinelli, ha passato ben cinque stagioni al Milan, dal 1995 fino al 2000, fu prelevato dalla Ligue 1, dopo aver vestito maglie del Monaco e del Paris Saint-Germain con un record unico. Weah fu il primo calciatore non europeo ad aver vinto il Pallone d’Oro, aggiungendo al suo scores 2 Scudetti con il Milan. La storia di Andriy Shevchenko è unica, viene prelevato dalla Dinamo Kiev e si presenta già con 5 scudetti vinti in patria. Neanche il tempo di conoscerlo che Sheva vince subito il titolo di capocannoniere della Serie A mettendo a segno 24 gol.  In campo aveva un’accelerazione unica, vinse anche a Manchester nel 2003 in Champions League e poi portò lo scudetto al Milan l’anno successivo con Carlo Ancelotti in panchina. Per ultimo, ma non meno importante, all’interno della storia del Milan c’è anche Kakà, che vinse anche il Pallone d’Oro nel 2007, quando il Milan vinse anche in Europa. Kakà è stato anche l’unico brasiliano del Milan ad aver vinto il premio di France Football, ma non solo nel 2007 vince anche il FIFA World Player, fu riconosciuto come il miglior calciatore in attività di tutto il  Pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.